Dolcepiemonte

mercoledì 19 luglio 2017

Bodi Fest 2017 Monterosso Grana

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Bodi Fest 2017 - domenica 20 agosto – Monterosso Grana



Domenica 20 agosto 2017, dalle 09.00 alle 19.00, nella piazza di Monterosso in Valle Grana (Cn), si rinnova l’appuntamento con la “ Bodi Fest – Mostra Mercato Gastronomia della storica patata Piatlina, della patata Ciarda e delle produzioni dei territori delle Valli di lingua d’Oc.

La manifestazione è organizzata dal locale Consorzio del Bodi – Ass. per la promozione, valorizzazione, tutela delle sopracitate patate tipiche (Bodi, in lingua d’Oc, vuol dire patata), aderisce al progetto EXPA (Esperienze x Persone Appassionate) proposto dall’Ecomuseo Terre del Castelmagno, in collaborazione con l’Associazione Ristoratori e Albergatori della Valle Grana, con il patrocinio dell’Unione Montana Valle Grana e del Comune di Monterosso Grana.

Oltre alla manifestazione di piazza, vivacizzata da musica d’Oc, folclore di queste terre, i ristoratori di valle proporranno menù convenzionati a tema.

Poi è consigliata una capatina alla panoramica , fresca ed affascinante frazione Frise , tipica borgata occitana, a circa quattro km dalla Bodi Fest, dove proprio nella stessa giornata saranno in corso i tradizionali festeggiamenti del santo patrono locale ( San Bartolomeo) in cui verrà proposta, in serata, la gustosa e rara polenta d’Alpe.




Aggiornamento su www.piatlinaeciarda.com – Associazione della patata Piatlina e Ciarda Facebook – 3486729419.







Nell’ambito della Bodi Fest verranno proposti

Menù convenzionati a tema con piatti tipici della Valle Grana a base di patate

(bodi en balo ed aiolì - torta matta – gnocchi – ecc)

ad euro 15,00

antipasti – gnocchi di patata ciarda (al Castelmagno o altro)– dolce– bevande escluse

Informazioni sul menù presso i sotto elencati locali aderenti

Albergo Ristorante - Tre Verghe d’Oro Pradleves – 0171986116

Albergo Ristorante - La Pace –Pradleves - 0171986126

Albergo Ristorante - Del Viale Valgrana - 017198100

Trattoria Aquila Nera - Monterosso Grana - 017198752

Trattoria Leon d’Oro – Pradleves - 0171986506

Trattoria Il Castello – Montemale di Cuneo - 0171904169

Risto Birreria Na Bela Grana - S.Pietro Monterosso - 3338663675

Agriturismo La Braida” - Monterosso Grana - 0171989143

lunedì 6 marzo 2017

Il Gustadom: passeggiata tra enogastronomia e cultura

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la presentazione della manifestazione "Gustadom" di Asti del 2017.

“Il Gustadom è un percorso all’insegna della convivialità, del gusto e della memoria in cui cibo, vino e cultura si incontrano formando un legame unico e indelebile come la passione che accomuna i borghigiani del Rione Cattedrale”




Il Gustadom: passeggiata tra enogastronomia e cultura

Il Rione Cattedrale del Palio di Asti, ogni anno dal 2000, organizza, il primo fine settimana di giugno, il Gustadom. L’evento, giunto alla sua XVII edizione, è tra le manifestazioni culturali ed enogastonomiche più seguite sul territorio regionale, ormai conosciuta e frequentata da migliaia di persone.

Si tratta di una passeggiata enogastronomica nei giardini storici, le vie e gli angoli più suggestivi del Rione Cattedrale, occasione unica per vedere scorci magici intorno alla splendida Cattedrale di Asti.

La ricerca dei piatti, delle materie prime migliori e l’unicità delle ambientazioni fanno del Gustadom una manifestazione unica, il connubio perfetto tra le massime espressioni culturali e quelle enogastronomiche del nostro territorio.

All’ombra della Cattedrale, che è non solo la chiesa più grande del Piemonte ma anche il suo principale monumento gotico, si snoda il percorso del Gustadom. Nei punti ristoro si potranno degustare piatti tipici della cucina astigiana e piemontese abbinati ai vini migliori del territorio. Molte sono le realtà che collaborano alla manifestazione, enti locali e privati, pro-loco e associazioni, per rendere ogni anno il Gustadom più speciale.

Tra le delizie proposte in questi anni troviamo: carne cruda all’astigiana battuta al coltello, frittata d’ortiche, friciula con il lardo, peperoni con bagna caùda, selezioni di formaggi e salumi, agnolotti e agnolotti gobbi piemontesi, polenta, tajarin, lingue di suocera e molti tipologie di dolci, tra cui citiamo il Mon di Mongardino. In alcune edizioni, il Comitato Palio Rione Cattedrale, per rendere ancora di maggior pregio la propria manifestazione, ha collaborato con Slowfood, inserendo tra i piatti, presidi enogastronomici impareggiabili tra cui la robiola di Roccaverano.

In occasione delle Celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nel 2011, il Gustadom, con la collaborazione di Slowfood, si è vestito col tricolore, aprendo a piatti e specialità provenienti da tutto il territorio della penisola.

Durante il primo fine settimana di giugno, nel Rione Cattedrale, molte sono le manifestazioni collaterali al Gustadom che ampliano ulteriormente l’offerta culturale: mostre fotografiche, di pittura, concerti e conferenze.

Il Gustadom si propone come celebrazione delle unicità che Asti offre: cibo, vino e cultura e vuole essere un percorso all’insegna della convivialità, del gusto e della memoria.



Quest’anno, il Gustadom si svolgerà nelle date di Venerdì 2 e Sabato 3 Giugno dalle ore 20, Domenica 4 Giugno dalle ore 12. Tra le iniziative enogastronomiche saranno presenti alcune importanti novità e la riconferma di piatti che hanno fatto il pregio e la storia della manifestazione.



Rione Cattedrale del Palio di Asti



Corso Vittorio Alfieri, 381, 14100 Asti (c/o Palazzo del Michelerio)

giovedì 13 agosto 2015

LA MOLE ANTONELLIANA E IL MUSEO DEL CINEMA DI TORINO

La Mole Antonelliana è uno dei monumenti simbolo della città di Torino. Costruita dall'architetto Alessandro Antonelli è anche il monumento più amato dai torinesi.



La Mole Antonelliana si trova nel centro di Torino, è alta 167,5 metri. Caratterizzata da un profilo unico per alcuni anno la Mole di Torino fu il monumento più alto d'Europa. Il massiccio basamento quadrato inferiore sostiene una cupola dalla forma singolare, caratterizzata dalla volta allungata con pareti convesse in muratura autoportante. Sopra la cupola è posta una guglia. Le forme sono una mediazione tra forme neoclassiche e neogotiche.



La storia della Mole Antonelliana parte dalla prima Costituzione concessa da Carlo Alberto, lo "Statuto Albertino" che concesse le libertà ai culti non Cattolici. La comunità ebraica acquistò i terreni per costruire un tempio, nel 1863 iniziò la costruzione della Mole. L'idea iniziale era di un'edificio con un'altezza di 47 metri ma Antonelli presentò un progetto per una struttura di 113 metri. I dubbi sulla fattibilità dell'opera, i maggiori costi e tempi di realizzazione fecero abbandonare il progetto alla comunità ebraica.

Costruzione della Mole Antonelliana (fonte Wikipedia)


La struttura della Mole Antonelliana venne progressivamente aumentata nel corso degli anni fino a raggiungere l'altezza attuale di 167,5 metri nel 1904, nonostante la morte nel 1888 del suo progettista.

Antonelli volle partecipare alla costruzione anche durante i suoi ultimi giorni, un ascensore azionato da una puleggia issava il quasi novantenne architetto in vetta della sua cupola per permettergli di verificare personalmente lo stato dei lavori. Ma il primo vero ascensore aperto al pubblico fu costruito nel 1964 anche se l'attuale ascensore panoramico, fatto in vetro che "vola" attraverso la cupola è attivo solo dal 2000. L'ascensore panoramico sale per 85 metri ad una velocità di 5 km/h circa, fino al "tempietto" in cima alla cupola da cui si gode di un panorama mozzafiato sulla città di Torino e i suoi dintorni.



Dal 1996 la Mole Antonelliana è la sede del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Un museo coinvolgente che ripercorre la storia dell'arte cinematografica dalle origini con le lanterne magiche agli effetti speciali di ET o Guerre Stellari. Passando attraverso le tecniche e le figure che entrano nella realizzazione di un film, fino ai manifesti delle pellicole più famose.

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino nasce da un'idea della storica e studiosa del cinema Maria Adriana Prolo nel 1941 ma solo nel 2000 la sede fu spostata stabilmente nella bellissima scenografia della Mole Antonelliana.

Per scoprire veramente il Piemonte si deve visitare questo simbolo di Torino, la Mole Antonelliana e lasciarsi incantare dalle magie del cinema che la riempiono di magie. La Mole è il centro di Torino, da cui passeggiare per le vie più importanti della città e scoprire poi gli altri monumenti come Palazzo Carignano, via Po, Piazza Castello, ecc...
Camminando si possono scoprire anche le specialità gastronomiche di Torino come i cioccolatini "gianduiotti", il vitello tonnato, la torta Gianduiotta al cioccolato, ecc...


CERCA CON GOOGLE: